Raccontami la tua storia

Questa pagina la dedichiamo a chiunque di voi abbia un esperienza da raccontare, un bel mometo, le difficoltà che affrontate, le foto con i vostri bambini e ragazzi Speciali!!!

Aspettiamo le vostre storie!!

Potete inviare via mail a angelidininfa@gmail.com e noi provvedermo a pubblicarle!

Condividiamo con voi la toccante intervista a Luisa Di Biagio, la nostra psicologa, sul libro "Teste di zucca".

Luisa, cosa rappresenta per Filippo questo libro?

«Filippo è mio figlio, è un bambino di nove anni ed è dislessico e autistico. È un bambino che, nella sua breve vita, ha già vissuto sulla sua pelle tante, brutte, storie di emarginazione, bullismo e razzismo. Soprattutto a Londra, dove abbiamo vissuto per alcuni anni. Lo abbiamo seguito, io come mamma, con l’aiuto di tanti esperti. Filippo ha mostrato una grande passione per la musica e i racconti: è vero, ha soltanto nove anni, ma il bagaglio di esperienza che ha maturato è molto vasto. A cominciare dal fatto che a soli tre anni era con me a vivere in Svezia e poi a Londra, per poi ritornare in Italia tre anni fa».

Ha parlato di «brutte esperienze» con coetanei nel mondo scolastico, cosa intende?

«A volte Filippo percepiva certe cose come semplici incidenti e si dava quasi la colpa per quello che era successo: per questo spesso non le raccontava, dovevamo essere noi familiari a capirlo. Spesso però era vittima di veri e propri atti di violenza che hanno influito enormemente su di lui: è accaduto, per fare un esempio, che altri bambini lo invitassero a giocare a girotondo per il solo gusto di scaraventarlo a terra. Altre volte gli facevano lo sgambetto e poi lo picchiavano senza alcun motivo. Si accorgevano che era debole e per questo diventava il bersaglio della violenza di tanti coetanei. Ma esperienze negative le abbiamo avute anche con alcune insegnanti: è successo, per fare un esempio, che una maestra abbia urlato davanti a lui che “non avrebbe mai voluto avere in classe bambini con problemi”».

Quando ha iniziato a scrivere il libro?

«Due anni fa. Io interpretavo i suoi racconti scritti in “dislessichese”, come mi piace definirlo. Ma, tengo a precisare, tutti i ventidue racconti che lo compongono sono farina del suo sacco».

Che genere ha adottato Filippo?

«L’horror. Ma niente di drammatico, ovviamente: sono tutti racconti che riguardano esperienze della sua vita ma conditi, sempre, con tutta la fantasia che un bambino autistico sa mettere in campo: è capace di sorprendere ma anche di far riflettere. Racconta un mondo popolato di mostri, e la parola “mostro” ricorre spesso nei suoi racconti e assume sempre connotazioni diverse».

Perché un bambino di sette anni scrive racconti dell’orrore?

«Quando aveva tre anni, come accade a molti bambini autistici, ha manifestato paura per le maschere di mostri. Ho colto l’occasione per iniziare concretamente un percorso di educazione emotiva, strutturato e adeguato su misura per lui. In pratica attraverso la conoscenza dei mostri - per esempio i lupi mannari o Frankenstein - ha imparato a conoscere le persone, e imparava a conoscere se stesso. A Londra era lo spettatore più giovane ad assistere alle repliche de “Il fantasma dell’opera”».

Filippo da grande farà lo scrittore?

«Sì, il suo sogno è quello, diventare come i suoi idoli che sono R.L. Stine e Stephen King: ama raccogliere idee nella sua stanza e rielaborarle in un racconto».

Quale messaggio volete lanciare con “Teste di Zucca”?

«Comunque sia, un messaggio positivo. Questo libro testimonia che una buona accoglienza delle diversità porta a un buon risultato. E testimonia che i bambini autistici sono ricchi di fantasia. Filippo ne è un esempio».

Sono un paragrafo. Clicca qui per aggiungere o modificare un testo. Qui puoi raccontare ai tuoi visitatori chi sei e qual’è la tua storia.